Evento Finale Patto Territoriale Oristano 23 gennaio 2017 ore 10 Aula Consiliare Provincia di Oristano

pto_manifesto-finale-1

La Società Consortile Patto Territoriale Oristano a.r.l. in liquidazione, a conclusione della sua attività chiusa al 31.12.2016, presenta, nell’ambito di un evento finale, le principali attività svolte nella realizzazione del Programma Aggiuntivo 2015.2016, finanziato dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio del Ministri.

Il Patto Territoriale di Oristano nasce nel 1998 da soci pubblici e privati come Agenzia di Sviluppo Locale con l’oggetto istituzionale di promuovere lo sviluppo socio economico ed occupazionale della Provincia di Oristano.

Dal 1998 al 2014 la Società ha gestito Programmi e progetti Comunitari, Nazionali e Regionali.

Il 28 gennaio 2015 l’Assemblea Straordinaria dei Soci ha deliberato la messa in liquidazione della Società e ha affidato l’incarico al dottor Remigio Sequi di proseguire l’esercizio provvisorio delle attività utilizzando i fondi Ministeriali residui con il Programma 2015.2016.

Alla fine del 2016 è terminata l’intera attività e il PTO non esisterà più. Rimangono sul territorio molti dei servizi avviati e dei risultati realizzati dal PTO a favore delle Pubbliche Amministrazioni, delle imprese, dei professionisti e della collettività.

Molti i partners, i collaboratori, i fruitori delle azioni e delle attività svolte. Molti i progetti e i prodotti realizzati, un patrimonio che sarà messo a disposizione delle Istituzioni e della collettività. Per l’evento si è scelto di illustrare dieci progetti che hanno prodotto strumenti principalmente nel settore turistico, nell’alta formazione, nell’informazione e formazione e nella comunicazione.

Dal PROGETTO DESTINAZIONE ORISTANO, un percorso di formazione per gli operatori turistici dell’Oristanese con nove proposte formative di eccellenza realizzato con Consorzio Uno e Provincia Oristano al

PROGETTO ALBERGHI DIFFUSI. Un modello di sviluppo turistico territoriale e di eccellenza presentato nel workshop Alberghi diffusi a Santu Lussurgiu e nel Convegno Nazionale a Cabras con la produzione editoriale e il videolibro Alberghi diffusi Sardegna.

Il PROGETTO TURISMO 2030, un appuntamento per gli operatori turistici Oristanesi di confronto sul turismo attraverso un workshop tecnico e un evento di presentazione dei documenti strategici sul posizionamento turistico della Provincia di Oristano gestito dalla Smeralda Consulting.

E ancora, l’ALTA FORMAZIONE con convegni a carattere nazionale, regionale, specialistici e di studi in campo contabile di alto profilo innovativo realizzati con l’Amministrazione Provinciale di Oristano, l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e con l’Ancrel nazionale e regionale.

Il PROGETTO SARTIGLIA realizzato con diversi interventi: un documentario e un archivio d’immagini e interviste sulla manifestazione equestre; un libro e il videolibro “La sartiglia”; un prodotto editoriale in tremila copie, diffuso dalla Fondazione Sartiglia per la valorizzazione del patrimonio Oristanese.

Di qualche giorno fa è la presentazione del PROGETTO MUSEO DIOCESANO ARBORENSE, una produzione editoriale di cinquemila brochure e cinquemila cartoline e una produzione fotografica professionale con la realizzazione di un archivio di 518 fotografie della struttura museale e dell’importante tesoro artistico del museo Diocesano Oristanese realizzati con la collaborazione dell’Arcidiocesi di Oristano e della Direzione del Museo.

Il CONCORSO FOTOGRAFICO con una selezione di novanta fotografie che restituiscono una documentazione sul territorio di Oristano e arricchiscono il patrimonio iconografico della digiteca e della biblioteca digitale della Provincia di Oristano.

La CAMPAGNA PUBBLICITARIA con la progettazione e la realizzazione di una campagna di comunicazione affidata a SED+ per incentivare i turisti a visitare la provincia di Oristano con la realizzazione di quattro grandi pannelli pubblicitari esposti all’aeroporto di Elmas, visibili sino alla fine del 2017.

E infine il PROGETTO DIGITECA. Un archivio informatico ricco di dati, immagini, studi, documenti, di materiali realizzati in passato e negli ultimi due anni con gli interventi del Programma 2015.2016. Un patrimonio iconografico e di contenuti messi a disposizione della collettività attraverso la Digiteca e il portale Gooristano della Provincia di Oristano.

Nella documentazione dell’evento finale si inserisce la produzione di un video e una serie di servizi televisivi con interviste e immagini che illustrano le principali attività svolte nella realizzazione del Programma Aggiuntivo 2015.2016 da parte del Patto Territoriale di Oristano a.r.l. in liquidazione, realizzati e messi in onda da TeleNOVA Oristano.

Due anni di intenso lavoro quello che ha diretto e voluto svolgere, con rigore e operatività, il liquidatore dottor Remigio Sequi, per portare a termine un progetto generale di valorizzazione delle risorse esistenti. Questo spirito di servizio ha animato le persone che hanno lavorato insieme per il Patto Territoriale di Oristano, tra dipendenti e collaboratori, società e professionisti, Istituzioni e privati, Università e organismi tecnici, professionali e culturali, affinché le risorse pubbliche fossero utilizzate correttamente per un fine e un beneficio comune. La realizzazione dei progetti e la produzioni di beni materiali e immateriali, il coinvolgimento delle professionalità e delle competenze è il coronamento di un’etica del lavoro che, anche in una situazione di dismissione, come nel caso del PTO, testimonia che si possono compiere delle azioni con lo scopo di rendere un servizio utile alla collettività.

presentazione del materiale editoriale e dell’archivio fotografico prodotto dal PTO per il Museo Diocesano Arborense. 12 gennaio 2017 ore 18 Oristano

invito-museo-diocesano-12-gennaio-2017

Presentazione della produzione editoriale e fotografica sul Museo Diocesano Arborense

giovedì 12 gennaio 2017 alle ore 18

Museo Diocesano Arborense, Sala San Pio X, Oristano

S.E. Mons. Ignazio Sanna Arcivescovo di Oristano

Dottor Remigio Sequi Liquidatore del Patto Territoriale Oristano

 

Con l’inizio del nuovo anno un appuntamento serale per il 12 gennaio al Museo Diocesano Arborense di Oristano che attraverso il Patto Territoriale di Oristano a.r.l in liquidazione, presenta il progetto di informazione culturale e turistica realizzato per il museo con la produzione editoriale e fotografica di 5000 brochure e 5000 cartoline e l’archivio fotografico della struttura museale e del suo importante patrimonio artistico.

Nella Sala San Pio X del Museo Diocesano Arborense ad Oristano, giovedi 12 gennaio 2017 alle ore 18 sono invitati alla presentazione i giornalisti, gli organi di stampa, le autorità, i protagonisti, gli amici e i visitatori del Museo. La produzione editoriale che sarà presentata, consiste in una brochure in italiano e in inglese con una piccola collezione di cartoline che contengono alcune fotografie delle opere più interessanti e importanti custodite nel Museo. S.E. Monsignor Ignazio Sanna, Arcivescovo di Oristano aprirà l’incontro e il Dottor Remigio Sequi, liquidatore del PTO illustrerà il progetto che promuove questo importante spazio espositivo con un ricco patrimonio artistico, poco conosciuto, che non aveva la possibilità di dotarsi di strumenti informativi per il pubblico e di documentazione fotografica esaustiva delle opere. I visitatori potranno ricevere gratuitamente la brochure in italiano e in inglese, una piccola collezione di cartoline con le opere e potranno conoscere il patrimonio esposto attraverso la visita al museo e la documentazione per immagini proiettate sul grande schermo con le fotografie, frutto di un attento e rigoroso studio tecnico e artistico del fotografo Gianfranco Mura. Il Museo Diocesano Arborense è stato istituito nel 2012 e la sua missione è quella di tutelare e valorizzare il patrimonio artistico e culturale dell’Arcidiocesi, promovendone la conoscenza attraverso visite guidate, mostre temporanee, convegni, dibattiti. Le ricche collezioni di arte sacra e di preziosi documenti antichi sono una straordinaria testimonianza della storia religiosa, politica, sociale, economica del territorio. Ubicato in prossimità della Cattedrale, il Museo dispone di 1300 metri quadrati di spazio espositivo. Articolato su quattro edifici, la sua ampia corte interna è sia spazio espositivo a cielo aperto, sia elemento di distribuzione dei diversi ambiti del complesso. Un luogo di grande interesse per la moderna struttura architettonica, restituita con un sapiente recupero e per la ricchezze delle opere esposte nelle sale interne che trova una naturale diffusione dei suoi contenuti con gli strumenti di comunicazione e promozione realizzati dal Patto Territoriale di Oristano. Il progetto è stato realizzato nell’ambito dell’intervento 3.3 “Strumenti di Comunicazione e promozione” del Programma Aggiuntivo 2015.2016, finanziato dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il coordinamento del progetto è a cura del dottor Remigio Sequi, liquidatore del PTO, il coordinamento scientifico e i testi sono di Silvia Oppo, Direttrice del Museo, il coordinamento editoriale è di Luisa Carta, Antonio Ladu, Maria Carla Manca,  la direzione editoriale e artistica di Bianca laura Petretto. Design e layout di Aldo Tanchis/Tankislnk.

Nota

Il Museo Diocesano Arborense

La Sala San Pio X

Accoglie manufatti del Tesoro della Cattedrale di Oristano, che illustrano la storia della cattedra arcivescovile arborense, dalle sue origini nel Medioevo a oggi. Tra questi, materiali storico-artistici, archivistici e librari, paramenti sacri, oggetti rituali in materiale prezioso, libri miniati e preziosi documenti conservati negli Archivi Diocesano e Capitolare. L’itinerario si articola attraverso l’esposizione permanente ed esposizioni temporanee settoriali.

La Galleria delle esposizioni

Ospita mostre temporanee tematiche, esponendo alternativamente il patrimonio storico-artistico delle varie aree dell’arcidiocesi e quelle di altre zone dell’isola.

Le Sale del Seminario

Ospitano materiali archeologici fenici, greci, cartaginesi e romani di Tharros.

Plutei marmorei – Marmo, fine XI – inizi XII secolo

Rinvenuti nel 1903 in un fondaco della Cattedrale, segnano l’esordio dell’arte romanica in Sardegna. In Daniele nella fossa dei leoni il personaggio con spada personifica il popolo babilonese che obbliga re Ciro a condannare Daniele. A destra, il profeta Abacuc. Un altro pluteo raffigura Leoni che trattengono vitelli, schema araldico di eredità bizantina.

Madonna con Bambino e Santi – Tempera su tavola con fondo oro, fine XIII secolo

Probabilmente prima opera a fondo oro giunta nell’Isola e tra le prime testimonianze della cultura gotica toscana ispirata dalla cultura francescana. Attribuito a Memmo di Filippuccio, pittore e miniaturista senese operante anche nel cantiere delle storie francescane ad Assisi. Altra ipotesi lo attribuisce ad ambito pisano e al cosiddetto Maestro di San Torpè.

Arredi sacri in argento – Argento, tardo XV – metà XVIII secolo

Ricco corredo di suppellettili liturgiche in argento, tra cui spiccano la Mazza Capitolare con le armi d’Arborea e la Croce astile, di produzione sardo-catalana del ‘500. Tra gli oggetti più antichi, il Reliquiario della Vera Croce.

Paramenti sacri – Tessuti, XV – XIX secolo

I pregiati tessuti provengono quasi sicuramente dalle migliori manifatture italiane e francesi e fanno della collezione un’importante testimonianza artistica e storica.

Codici liturgici – Pergamena, cuoio, fine XIII – XV secolo

È la più ricca e antica collezione di codici di origine medioevale della Sardegna. È costituita da 13 manoscritti liturgici in pergamena – sontuosamente miniati – quasi tutti risalenti all’epoca del Giudicato d’Arborea. Di straordinario valore paleografico, la collezione è anche la più rilevante raccolta di repertori liturgico-musicali dell’Isola. Di rilievo anche sei antifonari (“carte di guardia”) e altri documenti che tramandano memorie ecclesiastiche e civili.

Picchiotti bronzei – Bronzo, Placentinus, 1228

Tra i rari manufatti metallici superstiti citati nelle fonti sarde medievali, i picchiotti con protome leonina ed epigrafe – probabilmente di ambiente pisano – provenivano dalle porte della cattedrale romanica, demolita per far posto alla ristrutturazione settecentesca. L’unico confronto in Sardegna è la coppia di protomi leonine lapidee murate nella Porta dei Leoni di Cagliari.

 

19 dicembre ore 10 presentazione del libro La sartiglia, una produzione editoriale del Patto territoriale di Oristano

manifesto_la-sartiglia-x-stampacopertina_la-sartiglia-a-bassa

19 dicembre 2016 ore 10

Sala consiliare della Provincia di Oristano

Via Enrico Carboni Oristano

 

Il Patto Territoriale di Oristano a.r.l. in liquidazione,

 

con il patrocinio della Provincia di Oristano e la

collaborazione della Fondazione Sa Sartiglia Onlus

 

presenta il libro “La Sartiglia”

 

Nel mese di dicembre un appuntamento editoriale con il libro La Sartiglia. Lo ha realizzato e lo presenta il Patto territoriale di Oristano a.r.l in liquidazione, con il Patrocinio della Provincia di Oristano e con la collaborazione della Fondazione Sa Sartiglia onlus.

Nella sala consiliare della Provincia di Oristano in via Enrico Carboni a Oristano il 19 dicembre 2016 alle ore 10 sono invitati alla conferenza stampa i giornalisti, gli organi di stampa, le autorità, i protagonisti della Sartiglia di Oristano per la presentazione del libro  La Sartiglia. La pubblicazione, in italiano e inglese, sarà illustrata dal dottor Remigio Sequi che rappresenta il PTO, dal dottor Guido Tendas, Presidente della Fondazione Sa Sartiglia Onlus, dal dottor Francesco Obino, direttore della Fondazione e con la partecipazione dei Presidenti dei Gremi e dell’Associazione dei Cavalieri.

Le attrici Isella Orchis e Cristina Maccioni restituiranno una breve lettura interpretata di alcune parti del testo curato dal giornalista Roberto Cossu. Sarà proiettato il videolibro e verranno presentati i fotografi che hanno realizzato le fotografie della pubblicazione: Bruno Atzori, Gianfranco Casu, Luigi Corda, Marcello Mangroni, Stefano Orrù, Salvatore Pirri, Massimo Pulixi. La foto di copertina della pubblicazione è di Bruno Atzori

Il coordinamento del progetto è a cura del dottor Remigio Sequi, liquidatore del PTO, il coordinamento scientifico è di Maurizio Casu e Francesco Obino e il materiale d’archivio è stato fornito dalla Fondazione Sa Sartiglia Onlus con l’assistenza di Nadia Usai, mentre le traduzioni in inglese sono di Mauro Mastinu.

Il libro sulla Sartiglia che fa parte di uno dei progetti conclusivi del PTO, è stato realizzato con fondi pubblici che verrà distribuito e diffuso gratuitamente dalla Fondazione Sartiglia. “L’antica giostra equestre oristanese è diventata nel tempo un patrimonio inestimabile della collettività, rappresenta la memoria, la storia ma soprattutto l’identità, l’animo e la capacità di fare delle persone. – racconta il dottor Remigio Sequi -La Sartiglia sono le donne e gli uomini di Oristano che con passione, partecipazione, rigore, competenza e semplicità restituiscono un valore all’intera comunità. Questo spirito di servizio ha animato le persone che dietro le quinte hanno lavorato insieme a me affinché le risorse pubbliche fossero utilizzate correttamente per un fine e un beneficio comune. Questa pubblicazione è il coronamento di un’etica del lavoro che, anche in una situazione di dismissione, come nel caso del PTO, testimonia che si possono compiere delle azioni con lo scopo di rendere un servizio utile alla collettività”.

Nel libro l’introduzione è curata dal Presidente della Fondazione Sa Sartiglia Onlus che scrive: “ad Oristano Carnevale significa Sartiglia, ma la Sartiglia non è certo solo Carnevale. L’antica tradizione equestre della giostra all’anello e delle corse a pariglia, nota anche ai sovrani dei regni giudicali e documentata nella Città Regia di Oristano sin dal 1547, nel corso dei secoli ha segnato i più importanti momenti di festa nel capoluogo arborense. – racconta il Presidente Guido Tendas – la Sartiglia non è solo Carnevale. Ma è anche Carnevale. La prima attestazione della giostra carnascialesca è del 1807. Una tradizione vivente che grazie ai gremi si è perpetuata e che ha saputo adattarsi al corso della storia, mutando e conservando il suo antico cerimoniale, il suo spazio scenico, i suoi protagonisti e i loro costumi, ma mantenendo sempre viva la fierezza e la passione in tutti coloro che partecipano consapevoli all’elegante spettacolo”.

Il libro sulla Sartiglia è quindi uno strumento di diffusione della cultura di una collettività, un oggetto prezioso di informazione da distribuire gratuitamente che propone una struttura semplice composta da un racconto e da immagini che a loro volta restituiscono la narrazione della giornata con i momenti più salienti della Sartiglia. Nella premessa il dottor Remigio Sequi specifica: “Il racconto, attraverso gli occhi di un qualsiasi visitatore curioso, digiuno di notizie, scopre i vari momenti della manifestazione. Ci sono le suggestioni e le informazioni nella trama narrativa e, con un gioco grafico, si inseriscono dati storici o riferimenti argomentati e letterari. Un libro per accompagnare il lettore coinvolgendolo emotivamente nella bellezza della festa e del rito, lasciando un sapore antico e sacro tra i colori, i rumori e i silenzi di una giornata partecipata”.

Nota: La Società Consortile Patto Territoriale Oristano a.r.l. nasce nel 1998 da soci pubblici e privati come Agenzia di Sviluppo Locale con l’oggetto istituzionale di promuovere lo sviluppo socio economico ed occupazionale della Provincia di Oristano. Dal 1998 al 2014 la Società ha gestito Programmi e progetti Comunitari, Nazionali e Regionali. Il 28 gennaio 2015 l’Assemblea Straordinaria dei Soci ha deliberato la messa in liquidazione della Società e ha affidato l’ incaricato al dottor Sequi di proseguire l’esercizio provvisorio delle attività utilizzando i fondi Ministeriali residui con il Programma 2015.2016. Alla fine dell’anno termina l’intera attività e il PTO non esisterà più. Rimangono sul territorio molti dei servizi avviati e dei risultati realizzati dal PTO a favore delle Pubbliche Amministrazioni, delle imprese, dei professionisti e della collettività. La pubblicazione “La Sartiglia” è stata realizzata  nell’ambito dell’intervento 3.1 “Promozione Sartiglia”, del Programma Aggiuntivo 2015-2016, finanziato dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

La Sartiglia

Coordinamento progetto: Remigio Enrico Maria Sequi, Liquidatore PTO

Project Coordination: Remigio Enrico Maria Sequi, Liquidatore PTO

Coordinamento generale: Luisa Carta, Antonio Ladu, Maria Carla Manca

General Coordination: Luisa Carta, Antonio Ladu, Maria Carla Manca

Coordinamento scientifico: Maurizio Casu, Francesco Obino

Scientific Coordination: Maurizio Casu, Francesco Obino

Coordinamento testi: Roberto Cossu

Text Editing: Roberto Cossu

Direzione editoriale e artistica: Bianca Laura Petretto

Editorial and Artistic Director: Bianca Laura Petretto

Grafica e layout: Sofia Arango Echeverri

Layout and Graphic Design: Sofia Arango Echeverri

Materiale d’archivio: Fondazione Sa Sartiglia Onlus

Archive Provider: Fondazione Sa Sartiglia Onlus

Assistente per il materiale d’archivio della Fondazione Sa Sartiglia Onlus: Nadia Usai

Assistant for the Archive Provided by Foundation Sa Sartiglia Onlus: Nadia Usai

Traduzione inglese: Mauro Mastinu

English Translation: Mauro Mastinu

Segreteria e assistenza tecnica: Annalisa Corona, Alessandra Salis, Alessio Vela

Secretarial and Technical Assistance: Annalisa Corona, Alessandra Salis, Alessio Vela

Le fotografie sono di: Bruno Atzori, Gianfranco Casu, Luigi Corda, Marcello Mangroni,

Stefano Orrù, Salvatore Pirri, Massimo Pulixi

Photographs by: Bruno Atzori, Gianfranco Casu, Luigi Corda, Marcello Mangroni,

Stefano Orrù, Salvatore Pirri, Massimo Pulixi

In copertina fotografia di Bruno Atzori

Cover photo by: Bruno Atzori

Copy 2016 Soc. Cons. PTO Patto Territoriale Oristano a.r.l. in liquidazione

Via Carducci, 21 – 2° Piano – 09170 Oristano (OR)

(+39) 0783 775061 http://www.siloristano.it

La pubblicazione è stata realizzata nell’ambito dell’intervento 3.1 “Promozione Sartiglia”, del Programma Aggiuntivo 2015-2016, finanziato dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Editore Fondazione Sa Sartiglia Onlus Camelia Edizioni – Stampa Grafiche Ghiani

MARTEDI 13 DICEMBRE 2016 convegno di studi: “Il Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica: il processo di revisione tra adempimenti di fine 2016 e inizio 2017”

variato-ok-manifesto-convegno-13-12-2016-ptoIl Patto Territoriale Oristano Società Consortile a.r.l. in liquidazione

 con il Patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Oristano e

dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Oristano

organizza il convegno di studi:

“Il Testo Unico in materia di società a partecipazione

pubblica: il processo di revisione tra adempimenti

di fine 2016 e inizio 2017”

L’ evento si terrà martedi 13 dicembre 2016 – dalle ore 9 alle ore 14,

Registrazione dei partecipanti ore 8,30

Presso la  Sala consiliare della Provincia di Oristano, Via Enrico Carboni, Oristano.

E’ rivolto ad Amministratori, al Personale e ai Revisori degli Enti Locali, alle Società e alle Aziende loro partecipate

Il convegno è in fase di accreditamento presso il Cndcec per n. 5 crediti formativi Materie C.7.

ORGANIZZAZIONE PTO: 0783 775061  fax 0783 1920152

segreteriapto@gmail.com      http://www.siloristano.it

A chiusura d’anno il Patto Territoriale di Oristano Società Consortile a.r.l. in liquidazione e la Provincia di Oristano organizzano un importante convegno a carattere gratuito sul “Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica: il processo di revisione tra adempimenti di fine 2016 e inizio 2017”. L’appuntamento è previsto per il 13 dicembre 2016 a partire dalle ore 9 presso Sala consiliare della Provincia di Oristano, via Enrico Carboni, Oristano. Si tratta di una  attività di formazione specialistica indirizzata agli Amministratori, al Personale e ai Revisori degli Enti Locali e alle Società e Aziende loro partecipate, che gli organizzatori del PTO e l’Amministrazione Provinciale di Oristano hanno voluto proporre insieme all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili di Oristano. Il Liquidatore del PTO con la realizzazione dell’evento continua a predisporre l’esecuzione del programma 2015.2016 che prevede l’utilizzo dei fondi ministeriali residui, approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per la Coesione Territoriale, con azioni formative ed eventi di interesse pubblico, innovativo e di qualità.

“ Il convegno – spiega il dottor Remigio Sequi –si inserisce nell’attuazione del programma previsto e ha lo scopo di aggiornare sul Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica.

Questa esigenza, fortemente sentita dagli amministratori, ha determinato l’utilità di un evento informativo e formativo a carattere tecnico pratico che si prefigge l’obiettivo di chiarire il processo di revisione tra adempimenti di fine 2016 e inizio 2017.”

Si tratta quindi di un servizio che offre strumenti operativi e utili agli amministratori e ai professionisti del settore. Il convegno è a carattere gratuito e si conferiscono 5 crediti formativi. I lavori si svolgono dalle ore 9 alle 14. Dopo aver effettuato le registrazioni dei partecipanti, il programma prevede gli interventi degli specialisti. Inaugura l’evento il dottor Remigio Sequi, liquidatore della Società Consortile Patto territoriale Oristano a.r.l. in liquidazione.  Interviene quindi il dottor  Ulderico Izzo, Funzionario della Città Metropolitana di Napoli, Revisore legale dei conti negli Enti Locali, esperto in società partecipate, e di seguito il Dottor Nicola Tonveronachi, Dottore commercialista e Revisore Enti pubblici, Consulente e formatore Enti Pubblici e Società partecipate, Pubblicista.

La realizzazione dell’intervento formativo è stata affidata al “Centro studi Enti Locali”. A conclusione dei lavori sarà aperto un dibattito e nei giorni successivi il PTO provvederà ad inviare telematicamente gli interventi specialisti dei relatori a tutti i partecipanti.

Il convegno si configura quindi come un servizio di pubblica utilità, pratico e operativo e come strumento informativo e formativo per gli specialisti del settore.

Per gli aggiornamenti :www.siloristano.it

PROGRAMMA

La revisione straordinaria delle partecipazioni

  • Razionalizzazione periodica delle partecipazioni pubbliche
  • Analogie e differenze con l’art. 1 comma 611 e ss. Legge n. 147/15 per gli

Enti Locali

  • I tempi
  • Il test di legittimità
  • Il test per la analitica motivazione economica
  • Casistica di oggetti di società di difficile giustificazione sotto il profilo della

detenibilità: società patrimoniali, società delle farmacie; società per la produzione

  • L’attuazione della revisione straordinaria in caso di esito negativo dei test

– La vendita della partecipazione: le procedure dell’art. 10 TU aperte, ristrette, negoziate

– La liquidazione della società:

  1. aspetti fiscali
  2. la clausola di salvaguardia per il personale

– I processi aggregativi: fusione e scissione

– La quotazione a mercato regolamentati

  • La struttura del Piano e la rappresentazione della analitica motivazione economica
  • La comunicazione alla Corte dei conti
  • Le sanzioni per inadempimenti al piano di razionalizzazione

Focus operativi

  • La verifica della nomina, e dei compensi degli Amministratori
  • La verifica degli statuti delle società e delle modifiche da apportare in ottemperanza

Alberghi diffusi, tendenze su Vogue

Vogue Trivia

ALBERGHI DIFFUSI_COP

DSC_0323

 

Convegno Nazionale Ancrel 1 ottobre 2016 Oristano Hotel Mistral 2 ore 8,30

ANCREL . ASSOCIAZIONE NAZIONALE CERTIFICATORI E REVISORI DEGLI ENTI LOCALI

Ordine dei Dottori commercialisti ed esperti contabili di Oristano

Patto Territoriale Oristano Società Consortile a.r.l. in liquidazione

Amministrazione Provinciale di Oristano

Circoscrizione del Tribunale di Oristano Ente di Diritto Pubblico

Comune di Oristano

Regione Autonoma della Sardegna

STAMPA:

http://www.sardanews.it/257371-la-contabilit%C3%A0-armonizzata-al-centro-di-un-convegno-nazionale-a-oristano

http://www.italiaoggi.it/giornali/preview_giornali.asp?id=2084220&codiciTestate=&sez=hgiornali#

La contabilità armonizzata al centro di un convegno nazionale a Oristano

https://www.eventa.it/eventi/oristano/convegno-e-assemblea-nazionale-ancrel

 

CONVEGNO NAZIONALE

 “La corretta e integrale applicazione della contabilità armonizzata.

Opportunità e difficoltà per i controlli”

Rivolto ad Amministratori, al Personale e ai Revisori degli Enti Locali e alle

Società e alle Aziende loro partecipate

1 ottobre 2016 ore 8,30 .13,30

Hotel Mistral 2, via XX Settembre Oristano

Registrazione gratuita dei partecipanti ore 8,30 . 9

Si conferiscono 5 crediti formativi

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA:

ANCREL ORISTANO Tel. 0783 92356 – 338 66123 http://www.ancreloristano.it.-http://www.clubdeirevisori.it

ANCREL NAZIONALE tel. 348/8161522 –  fax: 051-19901830 e-mail: info@ancrel.it – sito internet: http://www.ancrel.it

PTO: 0783 775061  fax 0783 192015 – segreteriapto@gmail.comhttp://www.siloristano.it

La stagione autunnale si apre con un importante evento promosso ad Oristano dall’Associazione nazionale Certificatori e Revisori degli Enti locali che organizza il 1 ottobre 2016 a partire dalle ore 8,30 presso la sala convegni Mistral 2 in via xx settembre a Oristano, il convegno nazionale Ancrel su “la corretta e integrale applicazione della contabilità armonizzata. Opportunità e difficoltà per i controlli.”

Una due giorni organizzata in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Oristano e il PTO Patto Territoriale di Oristano che parte venerdì 30 settembre alle ore 17,00 presso la sala dell’O.D.C.E.C. di Oristano con l’assemblea annuale e prosegue l’indomani con un programma molto nutrito e articolato.

Inaugurano il Convegno nazionale: Antonino Borghi – Presidente Nazionale ANCREL  Maria Carla Manca – Presidente Sezione Provinciale di Oristano, Remigio Enrico Maria Sequi – Presidente O.D.C.E.C. Oristano, Guido Tendas Sindaco di Oristano, Giuseppina Uda – Assessore al Bilancio Comune di Oristano, Cristiano Erriu – Assessore Enti Locali Regione Sardegna, Presidente ANCI Sardegna, Pier Paolo Vargiu – Funzionario M.E.F. Ragioneria Generale dello Stato Oristano Davide di Russo – Vice Presidente Consiglio Nazionale CNDCECI. I lavori della giornata saranno aperti dalle relazioni del Presidente Nazionale ANCREL, Antonino Borghi, dall’Ispettore Generale, capo I.Ge.P.A. Salvatore Bilardo e seguiranno gli interventi del Direttore Centrale Finanza Locale Giancarlo Verde, il Presidente della Sezione di Controllo Corte dei Conti della Sardegna, il professor Francesco Petronio Stefano Pozzoli dell’ Università Parthenope di Napoli, il Presidente Onorario Ardel Francesco Bruno e il  Dottor Sergio Moretti, componente esecutivo ANCREL. I temi della Riforma al centro del convegno saranno coordinati dalla presidente della sezione provinciale Ancrel di Oristano la dottoressa Maria Carla Manca e sarà affidato il compito di moderare gli interventi al dottor  Massimo Venturato, delegato alle pubbliche relazioni ANCREL. Il convegno si configura come un servizio di pubblica utilità, pratico e operativo e come strumento informativo e formativo per gli specialisti del settore. Dal 2017 tutti i Comuni con più di cinquemila abitanti dovranno presentare il bilancio adottando le tecniche di consolidamento e mettendo insieme i valori dell’ente con le società e gli organismi partecipati. “Questo appuntamento- spiega la dottoressa Maria Carla Manca-è importantissimo per indagare e conoscere le procedure e le modalità necessarie che bisogna fornire agli stakeholders e ai soggetti specialistici che hanno rapporti con l’ente al fine di individuare una rappresentazione veritiera della realtà. Dal 2018 – prosegue la presidente Ancrel di Oristano- tutti gli enti dovranno dotarsi del nuovo documento di armonizzazione contabile che ha lo scopo di restituire la situazione effettiva che tiene conto di tutti i valori patrimoniali dell’ente e di tutti gli organismi partecipati. In sintesi, il bilancio consolidato, deve fornire dati e una situazione obiettiva e questo convegno farà chiarezza sugli strumenti e i sistemi da adottare e mettere in atto” .

“Il convegno nazionale è cofinanziato dal Programma Aggiuntivo 2015-2016 del PTO, Intervento 2.1 Formazione ed informazione per EE.LL. e sistema imprenditoriale, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Politiche di Coesione”.

  Il patrocinio è del Comune di Oristano, la Regione Sardegna e la Provincia di Oristano con il contributo di Siscom (software per Comuni ed Unione dei Comuni) e Gruppo 24 ore.

Il convegno nazionale Si configura quindi come un servizio che offre strumenti operativi e utili agli amministratori e ai professionisti del settore. L’invito a partecipare è esteso a tutti gli utenti regionali per la mattina di sabato 1 ottobre 2016. L’evento è a carattere gratuito e si conferiscono 5 crediti formativi. I lavori si svolgono dalle ore 8,30 alle 13,30 dopo aver effettuato le registrazioni dei partecipanti. Per la consultazione del programma e per gli aggiornamenti  http://www.ancreloristano.it

Nota: L’ANCREL Nazionale è presieduta da Antonino Borghi, conta oltre 1.000 soci in tutta Italia ed è ritenuta l’unico punto di riferimento per i Revisori degli Enti Locali dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili che ha siglato già dallo scorso anno un importante accordo collaborativo.

L’ANCREL Sezione Territoriale di Oristano presieduta dalla dottoressa Maria Carla Manca con i componenti del Direttivo: dottor Remigio Sequi, dottor Francesca Orro, dottoressa Cecilia Serra, dottoressa Rita Boe, dottoressa Lucia Biagini, dottoressa Antonella Congiu, dottoressa Stefana Pilloni, dottoressa Elisabetta Lay, è lieta di ospitare l’Ancrel Nazionale per l’importante convegno nazionale che sarà un valido supporto per i Revisori e i funzionari della Pubblica Amministrazione in questo contesto straordinario di riforma.